Il più amato è salentino

perronePaolo Perrone, sindaco di Lecce, è il primo cittadino più amato d’Italia. Lo ha stabilito la 18ma edizione dell’indagine Monitorcittà, che analizza il grado di apprezzamento dei sindaci. Sul podio solo primi cittadini eletti nell’ultima tornata elettorale del maggio scorso. Il sindaco di Lecce, centrodestra, al suo secondo mandato ha guadagnato il 64,2% delle preferenze seguito da Mario Lucini (Como) e Vincenzo De Luca (Salerno).

La classifica si basa sul gradimento espresso dai cittadini dei 110 comuni capoluogo di provincia.  Quest’anno sono 49 i sindaci che superano la soglia di gradimento del 55%, in crescita rispetto ai 45 della precedente edizione. Nella classifica dei primi cittadini più amati dagli italiani non c’è nessuna donna.

I sindaci che hanno registrato la crescita più cospicua (superiore al 3,5%) sono Marco Zambuto (Agrigento) con +6,7%, in nona posizione, Giuliano Pisapia (Milano) +5,0% in decima posizione, Marco Doria (Genova) +4,8% quattordicesimo e appunto Paolo Perrone (Lecce) +4,4.

Un incremento nel gradimento, per il primo cittadino di Lecce, che gli è valso l’alloro di sindaco più amato. «Non mi esalto quando le classifiche di gradimento sono positive – racconta il sindaco del capoluogo salentino – e non mi abbatto quando i risultati sono negativi. Ma non posso certo nascondere la mia gioia per questo riconoscimento. È la dimostrazione che i miei cittadini mi vogliono bene. È una grande soddisfazione anche se è una delle poche in momenti come questi. Se da un lato, infatti, aumentano i bisogni e le esigenze dei cittadini, dall’altro diminuisce la possibilità dei sindaci di fronteggiare i problemi e individuare soluzioni concrete».

L’indagine indaga anche il grado di soddisfazione sui servizi offerti dai comuni. La classifica sulla qualità dell’amministrazione pubblica vede la conferma del duo Bolzano-Trento, rispettivamente con il 76,9% e il 69,9%. Al terzo posto Reggio Emilia che con il 66,1%. Ad eccezione di Siena, i primi venti posti della classifica sono occupati da città del Nord.

Lascia un commento

Condividi questa notizia

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Chiudi il menu